RSS

Archivi categoria: Oplologia

Nella vecchia cecchineria, ia ia oh…

Questa volta niente comunicazioni di servizio, bestemmie contro la Sony o promesse di articoli; solo un onesto articolo di storia militare. O no? ^_^

Grossomodo all’epoca della battaglia di Stalingrado, i comandi militari si resero conto che il ruolo della fanteria andava ripensato in maniera drastica: la precisione sulla lunga distanza, per circa un secolo l’obiettivo perseguito da tutte le forze armate, era divenuta secondaria rispetto al volume di fuoco e al tiro accurato a media gittata. In un’epoca di combattimenti urbani, dove il nemico può sbucare da una finestra o un angolo a venti metri di distanza ed è difficile avere una lunga linea di tiro sgombra (mettendo in conto anche qualche palazzo crollato), abbattere un colonnello nemico da 800 metri di distanza è una necessità così rara che bastano un pugno di uomini superbamente addestrati per farvi fronte; molto meglio avere il grosso delle truppe armato di fucili automatici, che possono fare fuoco di soppressione (raffiche non mirate che hanno il solo scopo di inchiodare i nemici sul posto) e passare al semiautomatico quando c’è da ingaggiare sulla distanza medio-lunga. I primi a fare esperimenti in tal senso furono i tedeschi, con l’oggi poco noto Sturmgewehr 44: il primo fucile d’assalto della Storia.

Lo Sturmgewehr visto da entrambi i lati. Come dite? Somiglia a un Kalashnikov? E secondo voi i russi da dove hanno preso l'idea? ^_^

Lo Sturmgewehr impiegava il calibro 7,92x33mm, che altro non era se non una versione più corta del 7,92x57mm utilizzato dalla Karabiner 98k, all’epoca il fucile standard della fanteria tedesca. La cartuccia “ristretta” conteneva meno polvere da sparo e, sebbene questo riducesse gittata e potenza (appena 685 metri al secondo alla bocca, contro i 760 ottenuti dalla Karabiner), rendeva l’arma più controllabile durante il fuoco automatico. Il principio dietro allo Sturmgewehr era talmente geniale e innovativo che gli sviluppatori furono costretti a tenere nascosto fino all’ultimo il progetto a Hitler, il quale considerava i fucili obsoleti e aveva ordinato che dalle fabbriche d’armi tedesche dovessero uscire soltanto mitra. Infatti la designazione ufficiale dello Sturmgewehr è Maschinenpistole 44, ossia “mitra modello 44”, perché sotto tale nome fu prodotta al fine di ingannare il Fuhrer. Purtroppo per i tedeschi (e meglio per tutti gli altri, direi), arrivò troppo tardi per modificare le sorti della guerra.

Lo Sturmgewehr, così come i fucili d’assalto che lo hanno seguito (il Kalashnikov russo, l’M16 americano, ecc) è un’arma generalista: tutti i soldati possono usarla e ottenere risultati discreti. All’opposto, i cecchini utilizzano armi da specialisti che richiedono un lunghissimo addestramento, un’ottima base da cui partire e l’uso di tattiche speciali per essere impiegati al meglio (talmente speciali che, come spiega il maggiore in pensione John R. Plaster nel suo manuale Ultimate Sniper, a questi soldati andrebbe solo indicato il settore da coprire, dopodiché andrebbero lasciati liberi di gestirsi da soli, perché nella maggior parte dei casi, gli ufficiali che non provengono dalle loro fila non sanno come impiegarli al meglio). Dietro alla scelta di armare la maggior parte dei soldati con armi “generaliste” e lasciare ai cecchini il lavoro “di fino” non c’è alcun principio etico: è una questione di praticità. Nessuno si sognerebbe mai di prendere un fante qualunque, dargli in mano un M40 (il fucile da cecchino standard delle forze USA) e sperare che colpisca la testa di una sagoma lontana un chilometro. Si potrebbe fare, a questo punto, un’analogia: lo scrittore è come un cecchino, perché il suo mestiere è molto più complicato di quanto sembra, ma i risultati ottenibili con un buon lavoro sono tali da stupire. Il resto dell’umanità è composto da soldati comuni: sanno cavarsela, a livello basilare, in quello che fanno gli specialisti, ma non è il loro mestiere e non dovrebbero improvvisarsi tali. In guerra, un errore del genere si paga con la morte e la sconfitta; purtroppo, nel caso della scrittura, la selezione naturale tende a essere meno rigida. ^_^

Cecchini russi durante la Battaglia di Stalingrado (foto dell'ottobre 1942)

Facciamo un paragone fra l’arma di un soldato-tipo e quella di un cecchino. Siccome so poco o niente di quella colossale macchina mangiasoldi che è l’esercito italiano (decine di migliaia di ufficiali, sottufficiali e soldati che ricevono lauti stipendi e in cambio si grattano la pancia in caserma, in attesa della prossima guerra con l’Austria o chissà che cosa), prenderò a esempio alcune armi famose: diciamo, dunque, che il soldato “generico” è armato con un fucile d’assalto come l’M16 americano o l’AK russo, mentre il cecchino utilizza un fucile di precisione, di tipo “bolt-action” (dopo ogni colpo, per espellere il bossolo e incamerare una nuova cartuccia, occorre azionare manualmente l’otturatore) o semiautomatico (l’arma spara un colpo ogni volta che viene premuto il grilletto), come il Barrett americano o l’SKS russo. Lo scopo di entrambe le tipologie armi è identico: sono strumenti per piazzare un pezzo di piombo appuntito nel corpo di un essere umano. Allo stesso modo, la parola scritta serve per comunicare, indipendentemente dal fatto che a usarla sia uno scrittore o una persona qualunque. L’uso corretto di entrambi gli strumenti, però, è radicalmente diverso.

Il fucile d’assalto è un’arma pensata per crivellare di colpi nemici a distanza ravvicinata, oppure costringerli a nascondersi dietro una copertura (di fatto immobilizzandoli); il fuoco automatico non si usa mai quando si ha davvero intenzione di colpire qualcuno a distanza medio-lunga, perché i proiettili vanno ovunque tranne che sul bersaglio (in Iraq, il rapporto fra numero di colpi sparati e nemici abbattuti si aggira attorno a 250.000 a 1, vedete voi). In modalità semiautomatica, può colpire bersagli distanti qualche centinaio di metri… forse. La dispersione dei colpi di un M16, che è ancora preciso, si aggira intorno ai 2 MoA (Moment of Angle)… il che significa che, se il bersaglio dista 100 yarde (91,44 metri), i colpi sparati cadranno all’interno di un cerchio del diametro di 2 pollici (5,08 cm). Per ogni 100 yarde di distanza addizionali, quest’area si ingrandisce di un ulteriore incremento, per cui a 500 metri il proiettile può cadere ovunque entro 27-28 centimetri dal punto di mira. Non è una gran cosa… non fosse che la dispersione dei colpi è dovuta a fattori puramente meccanici e non tiene in considerazione altri fattori, incluso l’errore umano. O il fatto che, a 500 metri, il soldato manco vede il bersaglio, a meno che non stia usando un’ottica. ^_^

E se il nostro soldato fosse un talebano armato di AK-47? Peggio per lui: con una dispersione dei colpi intorno ai 5 MoA, sparando a 500 metri, i suoi proettili possono finire ovunque entro 70 centimetri dal punto di mira! Meglio risparmiare munizioni e non sparare affatto. “^_^

Uno studio condotto durante la Guerra di Corea rivelò che la maggior parte dei soldati americani (la cui arma principale all’epoca era l’M1 Garand, vecchia gloria della Seconda guerra mondiale) tratteneva il fuoco fino a quando il nemico non si avvicinava sotto i 200 metri, per essere sicura di colpirlo; la distanza media a cui i soldati aprivano il fuoco era di 120 metri. Proprio in quell’occasione nacque l’idea di equipaggiare la fanteria con un’arma capace di fare fuoco automatico e, quando serviva essere precisi, sparare a colpo singolo con buona precisione a distanze inferiori ai 200 metri. Non fu una scelta facile, perché andava contro uno degli ideali militari degli Stati Uniti, che risaliva addirittura ai tempi della Rivoluzione: quello del tiratore scelto che, da grandi distanze, uccide ciascun nemico con un singolo colpo ben piazzato. Un’ideale grossomodo equivalente a quelli dell’università aperta a tutti e dei diplomati di liceo classico/laureati in lettere che sono automaticamente dei bravi scrittori. Ma per piacere. “^_^

L'M1 Garand: un arnese robusto, preciso, efficace e completamente inutile sui campi di battaglia moderni ^_^

Il soldato comune corrisponde, nel nostro esempio, alla persona qualsiasi col suo bagaglio di conoscenze riguardanti la scrittura: ne sa quanto basta per cavarsela nelle vita di tutti i giorni, ma non è assolutamente uno specialista (né ci si aspetta che lo sia). Per un impiegato, un operaio o un commesso è sufficiente parlare e scrivere un italiano corretto e riuscire a farsi capire da colleghi, clienti e superiori. Naturalmente, questo significa che un individuo del genere non dovrebbe improvvisarsi scrittore, perché i risultati sarebbero gli stessi ottenuti da un soldato armato di Kalashnikov che cerca di abbattere un uomo lontano un chilometro: un bel po’ di rumore e i cecchini nemici che se la ridono (nonché, se costui non si leva di torno alla svelta, l’occasione per questi ultimi di fare un po’ di pratica). Non tutti possono essere abili tiratori, come non tutti possono essere scrittori; non c’è alcuna vergogna in questo.

Lo stesso vale per la danza classica

A prima vista, il lavoro del cecchino è simile, se non identico, a quello del soldato comune (“attrezzatura” a parte): entrambi puntano un’arma verso qualcuno, premono il grilletto e quello cade a terra, giusto? Quando è il cecchino a sparare, ci si aspetta che la gente cada un po’ più spesso, ma in fondo è la stessa cosa. Peccato che non sia così. Ci sono moltissimi fattori che il cecchino deve tenere in considerazione quando spara, inclusi:

  • posizione del corpo
  • presa sul fucile
  • appoggio del fucile (su bipede, treppiede, sacchi di sabbia, ecc)
  • respirazione (essa provoca dei movimenti che possono spostare il fucile, per questo i cecchini trattengono il fiato un attimo prima di sparare)
  • allineamento di occhio e mirino
  • intensità e direzione del vento
  • condizioni atmosferiche
  • distanza del bersaglio

Oltre a questi, bisogna considerare anche i movimenti del bersaglio e sparare dove si troverà e non dove si trova: a distanza molto lunghe (1.000+ metri), infatti, il proiettile può impiegare diversi secondi per arrivare a destinazione. Se il colonnello nemico sta camminando, occorre stimare la sua velocità e indovinare il punto in cui si troverà quando il proiettile avrà percorso tutta la distanza… il che, a sua volta, richiede una stima precisa della velocità e della traiettoria del proettile (che dipendono da fattori come la temperatura dell’aria, la rotazione della Terra sul proprio asse – !! -, il vento e diversi altri) e anche una buona dose di culo, perché non è detto che, nei due-tre secondi impiegati dal proiettile per arrivare a destinazione, il bersaglio non si fermi all’improvviso o non si chini per allacciarsi una scarpa.

Per uno scrittore è la stessa cosa: ogni frase, ogni parola, ogni elemento della punteggiatura devono essere attentamente calibrati. È un lavoro sfiancante, che produce pochi risultati, spesso insoddisfacenti a causa di dettagli microscopici. Perché il vero scrittore non mira ai bersagli da poco; mira a quelli importanti, preziosissimi, che fanno la differenza. Uno scrittore è tale se scrive tanto bene quanto un buon idraulico ripara un rubinetto, un buon ortopedico sistema una schiena malconcia, un buon promotore finanziario investe i beni di un cliente. Scrivere non è una cosa che sanno fare tutti. Non è “solo talento”. È il frutto di studio è fatica, come molte altre cose. Non è un’attività che tutti possono intraprendere. Quindi, se vi viene in mente di scrivere, prima studiate e preparatevi, oppure fate al mondo la cortesia di desistere. ^_^

Sigla: “White Death” dei Sabaton, che è in tema e scritta pure bene. ^_^

Bonus: Il 4 maggio uscirà Sniper Elite v2, uno sparatutto in terza persona che si concentra sul tiro di precisione. Dopo aver provato la demo, ho subito effettuato il preacquisto. È un gioco consigliatissimo a chi ama il realismo balistico nei giochi. ^_^

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 29/04/2012 in Letteratura, Oplologia

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , ,

Digressione oplologica: spada contro lancia!

Nell’attesa che mi venga l’ispirazione per risolvere un paio di snodi del racconto fantasy che vi ho promesso, ho pensato di scrivere questo articolo riguardo due delle armi più rappresentative della guerra pre-introduzione della polvere da sparo in Europa: la spada e la lancia. Nell’iconografia fantasy (ma non solo) la spada è l’arma “nobile” per eccellenza: gli eroi (Aragorn, Conan, Drizzt, Elric, Rodry Maelwedd, Skafloc, Solomon Kane…) usano spade di varia forma, le armi magiche sono quasi sempre spade (Anduril, Pungolo, la Spada di Shannara, Tempestosa, ecc ecc) e in generale sembra che la lancia sia un’arma da sgherri del Signore del Male (TM) o da contadini sfigati come quelli de I sette samurai. Anche nelle leggende, come il ciclo arturiano o quello carolingio, le spade la fanno da padrone: Excalibur e Durlindana sono le armi dei personaggi principali e sono, guarda caso, spade.  Da tutto ciò sembrerebbe che la spada fosse un’arma superiore alla lancia e preferita a quest’ultima, arma dei guerrieri più poveri; ma era veramente così?

Le armi

Dopo la clava e il bastone, la lancia è probabilmente l’arma più semplice mai inventata: una punta di metallo, osso o pietra fissata a un’asta di legno. Praticamente tutte le culture del mondo l’hanno usata, dalle tribù amazzoniche ai Vichinghi passando per tutte le popolazioni europee. La ragione di questo successo è che la lancia è un’arma dannatamente buona: facile ed economica da realizzare, ha una lunga lista di pregi e pochi difetti. È versatile: si può usare per combattere, per cacciare e per infilzare pesci in un fiume. È facile da usare: potendo solo affondare, il guerriero deve imparare una quantità ridotta di mosse. Nonostante ciò, è un’arma ottima quando si tratta di fintare: muovendola in modo che la punta tracci dei cerchi nell’aria si confonde l’avversario e si può attaccare in qualunque momento con grande rapidità. Inoltre la lancia, rispetto ad armi come la spada, ha il vantaggio della lunghezza (la tipica spada a una mano si aggira intorno al metro e venti, mentre una lancia “media” supera tranquillamente i due metri) e, usata all’interno di una formazione di guerrieri equipaggiati alla stessa maniera, è ottima per tenere a bada la cavalleria (il motivo per cui, nel Seicento, le formazioni miste di picchieri e archibugieri erano la base della tattica militare).

I difetti della lancia, a ogni modo, sono consistenti. Tanto per cominciare si tratta di un’arma fragile, essendo l’asta di legno: una spada pesante, come una two-hander tardomedievale (fonte: Clements), può spezzarla con un fendente, costringendo il guerriero a estrarre l’arma di riserva (solitamente una spada corta). Siccome può solamente affondare, non funge da leva nel momento in cui è sferrato il colpo e, dunque, non sviluppa molta forza e ha difficoltà a penetrare anche un’armatura leggera; la maglia di ferro è fuori dalla sua portata (fonte: Le Armature: test di penetrazione e conclusioni). Sebbene le condizioni della guerra medievale pre-cosiddetta age of plate (l’epoca in cui le armature a piastre cominciano a dominare i campi di battaglia, almeno indosso ai cavalieri) non fossero tali da precluderne l’utilizzo, è pur vero che un guerriero armato di lancia era praticamente impotente contro determinate tipologie di avversario. La lunghezza stessa dell’arma può diventare uno svantaggio qualora il nemico riesca a “chiudere la distanza” in fretta: è un po’ difficile manovrare un’asta di due metri e passa contro qualcuno che vi sta infilzando con un gladio lungo cinquanta centimetri. ^_^

Riproduzione della punta di una lancia. Notare la forma a foglia, che consente di infliggere ferite ampie e profonde mantenendo al contempo facile l'estrazione dell'arma dal corpo di un nemico

La spada, invece, è un’arma molto complessa e difficile da costruire: occorrono giorni o settimane per forgiarne una sola e non è detto che venga bene, sopratutto se stiamo parlando di un’arma realizzata prima dell’invenzione dell’altoforno (ca. 1340) e, di conseguenza, lavorata da un fabbro che non può garantire la qualità della materia prima (gli altoforni sono stati il primo strumento affidabile per produrre l’acciaio). Inoltre, per realizzare una buona arma l’artigiano non può lavorare “alla cieca”, ma ha bisogno di conoscere le misure del committente: perlomeno la distanza fra l’anca e la caviglia (a cui dovrebbe essere pari la lunghezza della lama) e le dimensioni del pugno chiuso (per realizzare l’impugnatura). Ne consegue che le spade prodotte in massa, per esempio, dagli schiavi romani per armare le legioni erano perlopiù robaccia di ferro scadente con la lama o l’impugnatura troppo lunga o troppo corta a seconda di chi le usava; ma visto che, dopo la riforma mariana, le pagava lo Stato, bisognava accontentarsi.

La spada è difficile da usare. Essendo in grado di tagliare, oltre che di affondare, i colpi possibili sono molto più numerosi rispetto alla lancia e anche le posizioni sono diverse: un combattente armato di spada deve conoscere almeno le quattro guardie di base (alta, media, bassa e posteriore), ma ce ne sono molte di più ed è bene impararne il più possibile, in modo da non rimanere spiacevolmente sorpresi. D’altro canto, questa versatilità è il principale vantaggio della spada sulla lancia. Contro un avversario senza armatura metallica, la spada può sferrare fendenti devastanti (dal momento che, a differenza della lancia, funge da leva e moltiplica la forza del braccio*); contro uno in maglia di ferro o armatura a piastre può trafiggere le giunture, il volto o la gola. In teoria, non esiste una situazione in cui la spada sia impotente (fanno eccezione, ovviamente, gli scontri a fuoco e situazioni paradossali come spadaccino vs. carro armato, lol). Oltre ad avere questi vantaggi, la spada è anche un’arma robusta che, se fatta bene, si rompe molto difficilmente.

Disegni di spade del XIII (la prima) e XII secolo

Sui campi di battaglia

Le condizioni di uno scontro di massa non sono le medesime di un duello. In battaglia si combatte in formazioni più o meno serrate e organizzate, dove le opzioni offensive e difensive sono molto ridotte e la bravura del combattente individuale deve cedere il passo a quella del soldato. In un contesto del genere, quali sono i vantaggi e gli svantaggi della lancia e della spada?

Una formazione di lancieri (per esempio, una falange) può formare un fronte inattaccabile dalla cavalleria. Chi ha visto 300 ha un’idea dell’aspetto che ha una cosa del genere: un muro di punte acuminate e di scudi. Nessun cavallo la caricherebbe mai e, anche se il cavaliere riuscisse in qualche modo a convincere la bestia, l’unico risultato che otterebbe sarebbe farsi disarcionare dopo che la sua cavalcatura è stata trafitta al petto (il bersaglio naturale di un uomo a piedi). Il problema di una formazione del genere sono i fianchi e il retro, estremamente vulnerabili; è possibile formare “quadrati” o “anelli” di punte, ma formazioni del genere sono praticamente immobili… a meno che non siano composte da soldati veterani e bene addestrati come la Vecchia Guardia di Napoleone, che a Waterloo formò i quadrati e riuscì a ritirarsi in buon ordine. Nella maggior parte dei casi, i soldati non erano così capaci. È bene ricordare, poi, che le lance erano efficaci contro i cavalli, ma non contro i cavalieri: nel tardo medioevo questi ultimi, di fronte a una formazione di picchieri, si limitavano a smontare da cavallo e a farsi strada con lo spadone attraverso una siepe di armi che non potevano ferirli, protetti com’erano dalle loro corazze. Ci volle l’introduzione dell’archibugio e del moschetto per far cessare questa pratica così divertente: non era salubre avvicinarsi troppo (diciamo sotto i cento metri) ai moschettieri, armatura a piastre o meno. ^_^

La spada, al contrario, non è quasi mai stata l’arma primaria dei combattenti a piedi: dagli opliti greci ai lancieri di leva al servizio dei Re di Francia, la maggior parte dei guerrieri preferiva la più economica e affidabile lancia. Eccezione notevole sono le legioni romane, le cui spade corte (i gladii) erano alla base del loro modo di combattere. È da notare, comunque, che buona parte dei lancieri (sicuramente quelli greci, ma anche i picchieri e persino i Lanzichenecchi) portava con sé proprio una spada corta come arma secondaria, da usare dopo che la lancia, com’era inevitabile, si sarebbe spezzata. Ma col passare dei secoli, persino i Romani presero a usare la lancia come arma primaria (fonte: Barbero), a causa dell’importanza sempre crescente assunta dalla cavalleria e, dunque, della necessità sempre maggiore per i soldati di avere un’arma che potesse contrastarne la forza prorompente. La spada, come già detto, era un’arma complessa e i suoi usi tattici erano pochi. Se gli eserciti fossero stati composti esclusivamente da professionisti bene addestrati, come lo erano quelli di Roma, adottarla come arma principale avrebbe potuto sembrare una scelta naturale in determinati periodi storici; ma nella maggior parte dei casi i combattenti erano anche e sopratutto contadini, a cui bisognava dare un’arma semplice e che li rendesse di una qualche utilità contro quegli schiacciasassi in armatura che erano i cavalieri. La lancia era la scelta più sicura.

Con il passare del tempo e lo sviluppo delle armi da fuoco, la spada divenne più un simbolo che uno strumento il cui uso era dettato da necessità pratiche: nel Settecento divenne l’arma distintiva degli ufficiali. Contemporaneamente, i soldati usavano moschetti e fucili su cui potevano essere montate le baionette che li trasformavano, in caso di necessità, in lance vere e proprie. In assenza di protezioni per il corpo, ormai rese obsolete dalle nuove armi, la versatilità della spada non era più un valore: come accadde nel Giappone pacificato dai Tokugawa, essa si trasformò da arma in oggetto di venerazione carico di significati simbolici. “Spada” significava “nobiltà”, “cavalleria”, “tradizione”; non a caso essa è ancora un elemento importante delle alte uniformi militari.

Concludendo…

La lancia e la spada sono armi diverse con usi diversi. Nessuna è intrinsecamente superiore all’altra: come tutti gli strumenti, ognuna risponde a necessità differenti. Senza dubbio è la spada quella che esercita il fascino maggiore, il che l’ha resa uno dei “personaggi” principali della letteratura fantastica: è un’arma da “individuo”, da duellante, da persona che si oppone al mondo intero. La lancia è un’arma da formazione, da “uomo-numero”, da “uruk-hai prodotto in serie”; ma anch’essa ha la sua storia e il suo fascino, che film come 300 e Waterloo (la scena in cui i lancieri di Napoleone massacrano i Dragoni inglesi) contribuiscono a far rivivere. E anch’essa, volendo, può essere un’arma da duello efficace, se impugnata da un combattente che sappia sfruttare al meglio le sue qualità.

Questo articolo è dedicato a tutte le povere lance spezzate in favore di argomentazioni perdenti. ^_^

*Come segnalato da Ione nel primo commento, questa espressione non è corretta al 100%. In effetti, il vero vantaggio del fendente rispetto all’affondo è dovuto al fatto che sfrutta le articolazioni della spalla, del gomito e/o del polso, anche se la lama aiuta. Questo, a ogni modo, non cambia una virgola delle conclusioni: un fendente esercita una forza maggiore di un affondo, nonostante la superficie maggiore della lama rispetto alla punta, proprio grazie all’effetto-leva, fermo restando che l’immagine del guerriero che spezza gli anelli di una cotta con la spada – come si vede, ad esempio, nel film Le Crociate – è pura fantascienza.

 
10 commenti

Pubblicato da su 02/05/2011 in Oplologia, Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: