RSS

Archivi categoria: Musica

Vendicatori uniti!

Certe cose non te le togli più dalla testa.

 
2 commenti

Pubblicato da su 20/08/2012 in Musica

 

Tag: ,

Musica!

Questa volta niente ispirazioni per romanzi, solo una selezione di musica dai miei artisti preferiti. ^_^

I Sabaton, un gruppo metal le cui canzoni sono ispirate alla storia militare:


I Folkstone, un gruppo metal sinfonico con l’unico difetto di essere composto da bergamaschi:


I Running Wild, gruppo di metal… boh, metal (XD):


Le Celtic Woman, coro di voci femminili meravigliose:


Spero che piacciano anche a voi. ^_^

 
1 Commento

Pubblicato da su 22/09/2011 in Musica

 

Tag: , , , ,

Quando un’idea è sbagliata

Oggi, tanto per cambiare, parliamo di una canzone: Europa dei Globus.

 

Al di là dello splendido coro e dai toni a la Green Day, che possono piacere o meno, diamo un’occhiata al testo.

From Agincourt to Waterloo
Poitiers and then Anjou
The Roses War, the Hundred Years
Through battlefields of blood and tears

From Bosworth Field to Pointe Du Hoc
Stalingard and the siege of York
The bloody turf of Gallipoli
Had no effect on the killing spree

Bannockburn to Austerlitz
The fall of France and the German blitz
The cruelest of atrocities
Europa’s blood is borne of these

Heaven help in all our battles
Heaven see love, heaven help us

Bolshevisks and feudal lords
Chivalry to civil wars
Fascist rule and genocide
Now we face the rising tide

Of new crusades, religious wars
Insurgents imported to our shores
The western world, gripped in fear
The mother of all battles here

Heaven help in all our battles
Heaven see love, heaven help us
Avant hier, avons être
Déja demain, (nous) sommes éclairée

All glory, all honor
Victory is upon us
Our savior, fight evil
Send armies to defend us

Empires built, and nations burned
Mass graves remain unturned
Decendants of the dispossessed
Return with bombs strapped to their chests

There’s hate for life, and death in hate
Emerging from the new caliphate
The victors of this war on fear
Will rule for the next thousand years

All glory, all honor
Victory is upon us
Our savior, fight evil
Send armies to defend us
Europa, Europa
Find better days before us
In kindness, in spirit
Lead us to a greater calling

Europa, Europa
Find better days before us
In kindness, in spirit
Lead us to a greater calling

Lennigrad, Berlin wall
March on Rome, Byzantium’s fall
Lightning war, Dresden nights
Drop the bomb, end this fight!

Never again!

Si comincia con un elenco di battaglie messe lì a casaccio, prese da periodi storici completamente diversi fra loro, che mira (?) a dimostrare che “il sangue dell’Europa nasce da qui”. Il vero argomento, di cui questo è solo l’introduzione, viene introdotto nella strofa successiva: un nuovo nemico si affaccia ai confini dell’Europa, un nemico che può essere sconfitto solo dall’unione di quei popoli che per millenni si sono massacrati fra loro. Stiamo parlando, ovviamente, del terrorismo islamico. Con l’aiuto di Dio (“heave is upon us”) e di un “salvatore” facilmente identificabile negli Stati Uniti d’America (“Our savior, fight evil/
Send armies to defend us), l’Europa vincerà “la madre di tutte le battaglie” che, altrimenti, getterà il mondo nelle grinfie dell’Islam per “i prossimi mille anni”. Direi che non c’è molto altro da dire.

Anzi, una cosa c’è: chi ha pensato “ZOMG che porcheria razzista! chiederò immediatamente a YouTube di rimuoverla!” mi faccia il sacrosanto piacere di andare via immediamente e di non tornare mai più. Il suo è esattamente l’atteggiamento di chi, insicuro delle proprie idee, prova sollievo al pensiero che ogni voce contraria sia messa a tacere. Questo non è un atteggiamento critico, solo cretino. La censura legittima le idee peggiori, quelle che assumono un’aria di sacralità per il solo fatto di essere proibite, allo stesso modo in cui i martìri dei primi cristiani diedero attrattiva a una religione fondata sull’intolleranza, il disprezzo della donna (Paolo di Tarso) e tante altre amenità.

La critica di un’opera d’arte è prima di tutto critica tecnica, ovvero riguardante “quello che l’opera è”: una canzone, un romanzo, un dipinto. “Bello” e “buono” sono qualità diverse e distinte, con buona pace di quei Greci che li volevano sempre associati. Pensando diversamente, non si arriva a capire il successo delle canzoni fasciste o dei film di guerra… e non capire è il primo passo verso l’incapacità di obiettare in modo credibile.

Ben venga, in ogni caso, la critica ideologica. Una volta che è possibile parlare di tutto, è divertente percuotere le idee sbagliate fino a quando non hanno più il coraggio di mostrare la loro faccia sfregiata. ^_^ Quello che trovo aberrante sono i reati di apologia, il “divieto sociale” di fare arte di un certo tipo e le politiche di moderazione ipocrite. Se certa gente vuole fare una pessima figura scrivendo testi come quello di Europa, lasciamoglierlo fare: ci risparmieranno un sacco di fatica. ^_^

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30/05/2011 in Letteratura, Musica, Rant, Uncategorized

 

Tag: , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: