RSS

Archivio mensile:maggio 2015

Mail di lavoro e chiarimenti

Come i lettori fedeli sanno, il sottoscritto di mestiere fa il traduttore. Di recente ho ricevuto una mail dove mi si offriva una prestazione occasionale come interprete (che non equivale a “traduttore” e non rientra nel genere di servizi che io offro). Di seguito la mia risposta, che spero serva a chiarire eventuali dubbi di chiunque incappi da queste parti ^^

Buonasera,

Vi ringrazio molto per la proposta. Vi dico subito che mi vedo costretto a declinare, per due motivi. Il primo è un motivo di carattere professionale: non offro servizi di interpretariato. Mi stupisce che vi siate rivolti a me proprio per questi, dato che in nessun luogo ove sia reperibile il mio contatto e-mail ho mai affermato di essere un interprete o di essere disponibile a improvvisarmi tale. Non siete i primi a farmi una proposta del genere, dunque potrebbe esserci di mezzo un mio errore di comunicazione. Cercherò di rimediare.
Il secondo motivo del mio rifiuto è che, pur non essendo io stesso interprete, conosco il valore di un buon interpretariato, e trovo la vostra offerta gravemente insufficiente. La vostra mail prospetta un impegno giornaliero di circa 6 ore, a cui vanno sommate quelle spese in trasferta (di cui voi rimborsate solo i costi; il tempo che passo lontano dai miei cari, o comunque non in attività che sarebbero di mio maggiore gradimento, chi me lo rimborsa?). Per un totale di 12 ore più le trasferte, voi mi offrite 160 euro “COMPLESSIVI” (maiuscolo vostro) e “al lordo della Ritenuta d’Acconto”. Questo si tradurrebbe, per il sottoscritto, in un guadagno di 128 euro (la ritenuta d’acconto consiste nel 20% del totale). 128 diviso 12 fa 10,66, un compenso orario più o meno al livello di quello richiesto da uno studente universitario che dà ripetizioni in nero in una città dove il costo della vita non è troppo alto. Perdonatemi, ma non riesco a considerarlo minimamente adeguato, soprattutto a fronte di tariffe di mercato [qui ho inserito tre link, nda] che si aggirano intorno al quintuplo.
Mi permetto, infine, di segnalarvi come io non possieda né abbia mai dichiarato di possedere alcuna qualifica o esperienza nell’ambito dell’interpretariato. Il fatto che vi siate comunque rivolti a me mi fa pensare che non siate alla ricerca di persone particolarmente abili nello svolgere il loro lavoro, cosa che ritengo profondamente sbagliata e contraria all’interesse della vostra azienda.

Cordiali saluti,
Bakakura

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 05/05/2015 in Lavoro

 

Tag: , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: